Filologia classica - 2018-2019 - Modulo A+B - Laurea magistrale

Tu sei qui

Italiano
Prerequisiti: 

Conoscenza delle lingue e letterature greca e latina. Gli studenti avranno seguito almeno il modulo B del corso di Filologia classica della Laurea Triennale, o avranno comunque familiarità con i temi e la bibliografia ivi indicata. Studenti che non rispondessero a tali requisiti verificheranno con il docente la possibilità di seguire il corso e sostenere l’esame. È auspicabile qualche elemento di paleografia.  **  La frequenza delle lezioni è vivamente raccomandata. **

Obiettivi: 

Al termine del corso lo studente possiede conoscenza specialistica del metodo filologico, sa lavorare autonomamente sulla tradizione manoscritta dei testi classici, ha competenze specifiche nel campo della realizzazione di una edizione critica. Conosce approfonditamente il tema monografico previsto dal corso e ha acquisito una prima competenza circa i principali strumenti informatici a disposizione del classicista (software, banche dati, metodo).

Programma: 

Prima parte (generale/metodologica): Dal manoscritto all’edizione critica dei testi greci: la prassi editoriale tra paleografia ed ecdotica. Con esempi di edizione.

Seconda parte (monografica): La tradizione manoscritta del Corpus Hippocraticum e del Corpus Galenicum e la costituzione del testo. Con un approfondimento sul codice Marcianus Graecus 269.

Nota:

Gli studenti che intendano sostenere l’esame limitandosi a un unico modulo (A o B) concorderanno con il docente i necessari adattamenti della bibliografia e del programma.

 

Il corso sarà strutturato in lezioni frontali con ricorso a strumenti informatici, a risorse online e uso regolare del proiettore. Si farà uso di esempi di edizioni di testi classici, e gli studenti saranno sollecitati a interagire attivamente nel corso delle lezioni.

La verifica dell’apprendimento sarà effettuata mediante una prova orale al termine del corso, ed eventualmente, per gli studenti che optino per tale possibilità, mediante uno o più elaborati scritti concordati con il docente da presentare nel corso delle lezioni o in sede d’esame.

Testi adottati: 

Materiali forniti a lezione. Inoltre:

G. Pasquali, Storia della tradizione e critica del testo, Firenze 1952 (una qualsiasi ristampa), Prefazione e pp. 1-184, 487-494

E. Montanari, La critica del testo secondo Paul Maas: testo e commento, Firenze, Sismel, 2003

J. Irigoin, La tradition des textes grecs. Pour une critique historique, Paris, Les Belles Lettres, 2003 (i capitoli indicati a lezione)

 

Per la parte monografica del corso:

J. Irigoin, Tradition et critique des textes grecs, Paris, Les Belles Lettres 1997 (i capitoli: Tradition et critique des textes grecs, pp. 3-27 e Hippocrate, Galien, et quelques autres médecins grecs, pp. 211-236)

J. Irigoin, Tradition manuscrite et histoire du texte: Quelques problèmes relatifs à la Collection hippocratique, in Id., La tradition des textes grecs, cit., pp. 251-270

V. Boudon-Millot, Galien, Oeuvres, Tome I, Paris, Les Belles Lettres, 2007 (La Introduction Genéral: Biographie - Histoire du texte - Le corpus galénique aujourd’hui)

A. Roselli, Un corpo che prende forma: l’ordine di successione dei trattati ippocratici dall’età ellenistica fino all’età bizantina, in La letteratura pseudoepigrafa nella cultura greca e romana, Napoli, 2000 (Annali dell’Istituto Orientale di Napoli), pp. 167-195

P. Degni, Qualche considerazione sui più antichi corpora bizantini di medicina: il Marc. gr. 269, in Storie di cultura scritta – Studi per F. Magistrale, a cura di P. Fioretti, Spoleto, Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo, 2012, pp. 295-310

L. Perilli, Filologia minore. Esperienze dall’edizione di un lessico d’autore, in LEMMATA. Beiträge zum Gedenken an Christos Theodoridis, hrsg. M. Tziatzi, M. Billerbeck, F. Montanari, K. Tsantsanoglou, Berlin 2015, 320-352

 

Lettura complementare (obbligatoria):

U. von Wilamowitz-Moellendorff, Storia della filologia classica, Torino, Einaudi 1971

Inglese
Prerequisites: 

Knowledge of Greek and Latin languages and literatures. Students will have attended at least the B module of the Classical Philology course of the Bachelor's Degree, or will in any case be familiar with the topics and the bibliography indicated therein. Students who do not meet these requirements will check with the teacher the possibility of taking the course and the exam. Some basic knowledge of palaeography is desirable.  ** Class attendance is highly recommended. **

Aims: 

At the end of the course the student will have acquired a specialized knowledge of the philological method and specific skills as regards the realization of a critical edition. He will be able to work autonomously on the manuscript tradition of classical texts, and will be familiar with the special topic of the second part of the course. Come knowledge of the main IT tools available to the classicist (software, databases, method) is also envisaged.

Programme: 

First part (general / methodological): From manuscripts to critical editions of Greek texts: the editorial praxis between palaeography and ecdotics. With examples from actual editions.

Second part (special topic): The manuscript tradition of the Corpus Hippocraticum and of the Corpus Galenicum and the constitution of the text. With an in-depth analysis of the codex Marcianus Graecus 269.

Note:

Students who intend to take the exam with only a single module (A or B) are required to agree with the teacher the necessary changes to the bibliography and the program.

 

The course will be arranged in lectures with recourse to IT tools, online resources and beamer. Examples of editions of classical texts will be used, and students will be urged to interact actively during the lessons.

The final assessment of learning will be carried out by an oral test at the end of the course, and – for students opting for this possibility –, through one or more written papers agreed with the teacher to be presented during the lessons or during the exam.

Texts adopted: 

Foreign students may adopt the English version or a translation of the works in their own language, where available:

 

Materials will be given to students during the class. Furthermore :

G. Pasquali, Storia della tradizione e critica del testo, Firenze 1952 (una qualsiasi ristampa), Prefazione e pp. 1-184, 487-494

E. Montanari, La critica del testo secondo Paul Maas: testo e commento, Firenze, Sismel, 2003

J. Irigoin, La tradition des textes grecs. Pour une critique historique, Paris, Les Belles Lettres, 2003 (Students will be informed about the relevant chapters during the class)

 

For the second part of the course:

J. Irigoin, Tradition et critique des textes grecs, Paris, Les Belles Lettres 1997 (the chapters: Tradition et critique des textes grecs, pp. 3-27 and Hippocrate, Galien, et quelques autres médecins grecs, pp. 211-236)

J. Irigoin, Tradition manuscrite et histoire du texte: Quelques problèmes relatifs à la Collection hippocratique, in Id., La tradition des textes grecs, cit., pp. 251-270

V. Boudon-Millot, Galien, Oeuvres, Tome I, Paris, Les Belles Lettres, 2007 (The Introduction Genéral: Biographie - Histoire du texte - Le corpus galénique aujourd’hui)

A. Roselli, Un corpo che prende forma: l’ordine di successione dei trattati ippocratici dall’età ellenistica fino all’età bizantina, in La letteratura pseudoepigrafa nella cultura greca e romana, Napoli, 2000 (Annali dell’Istituto Orientale di Napoli), pp. 167-195

P. Degni, Qualche considerazione sui più antichi corpora bizantini di medicina: il Marc. gr. 269, in Storie di cultura scritta – Studi per F. Magistrale, a cura di P. Fioretti, Spoleto, Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo, 2012, pp. 295-310

L. Perilli, Filologia minore. Esperienze dall’edizione di un lessico d’autore, in LEMMATA. Beiträge zum Gedenken an Christos Theodoridis, hrsg. M. Tziatzi, M. Billerbeck, F. Montanari, K. Tsantsanoglou, Berlin 2015, 320-352

 

Accompanying reading (compulsory):

U. von Wilamowitz-Moellendorff, Storia della filologia classica, Torino, Einaudi 1971 (orig. Geschichte der klassischen Philologie, 1921; 3rd reprint 1998)

Modalità di erogazione: 
Tradizionale
Frequenza: 
Consigliata
Valutazione: 
Prova orale
Anno Accademico: 
2018-2019
Docente: 
Ore: 
60
CFU: 
12
Semestre: 
Primo semestre