Filologia dantesca - 2018-2019 - Modulo A - Laurea magistrale

Tu sei qui

Italiano
Prerequisiti: 

Conoscenza generale della letteratura italiana del Duecento e in particolare dell’opera di Dante. Conoscenza dei principi basilari e della terminologia tecnica della critica del testo. Capacità di leggere e interpretare un testo letterario dal punto di vista formale e sostanziale all'interno del suo contesto storico-culturale.

Obiettivi: 

1. Obiettivi formativi

Conoscenza della tradizione manoscritta e delle principali edizioni della Commedia; conoscenza delle principali questioni della filologia dantesca. Capacità di utilizzare edizioni critiche, commenti scientifici, dizionari storici e altri strumenti linguistico-lessicali relativi alla Commedia. Conoscenza approfondita dell’Inferno di Dante; capacità di riconoscerne e affrontarne le problematiche filologiche e interpretative.

2. Risultati di apprendimento attesi

Coerentemente con gli obiettivi formativi sopra specificati e con quelli più generali propri del Corso di Studio, l’attività formativa di questo modulo si propone di fornire allo studente le conoscenze e abilità (Conoscenza e capacità di comprensione; Capacità di applicare conoscenza e comprensione; Autonomia di giudizio; Abilità comunicative; Capacità di apprendere) previste dalla scheda SUA-CdS (quadri A.4.b.2, A.4.c).

Programma: 

Filologia dantesca: l’Inferno.
Il corso si propone di introdurre gli studenti alla filologia dantesca e in particolare allo studio della Commedia. A tal fine sarà esaminata la tradizione manoscritta della Commedia e ripercorsa la sua storia editoriale. Una volta acquisito il quadro generale, si leggeranno e analizzeranno dal punto di vista ecdotico, interpretativo e storico-letterario, alcuni canti scelti dell’
Inferno.

Testi adottati: 

 

  • Dante Alighieri, La Commedia secondo l’antica vulgata, a c. di G. Petrocchi, Milano, Mondadori, 1966-1967 (canti scelti in fotocopia).

  • Dante Alighieri, Inferno, a c. di G. Inglese, Roma, Carocci, 2016.

  • G. Inglese, Dante. Guida alla Divina Commedia, Roma, Carocci, 2017.

  • S. Bellomo, Filologia e critica dantesca, Brescia, La Scuola, 2012 (pp. 213-315).

  • R. Rea, La paura della lupa e le forme dell'ira (lettura di Inferno VII), in «Linguistica e Letteratura» XLI, 1-2 (2016), pp. 79-110.

  • R. Viel, Sulla tradizione manoscritta della Commedia: metodi e prassi in centocinquant'anni di ricerca, in Dante, oggi «Critica del testo» 14, 1 (2011), pp. 459-518 (pdf fornito dal docente).

Inglese
Prerequisites: 

General knowledge of the history of Italian medieval literature, with particular reference to Dante’s work. Knowledge of the basic principles of textual criticism. Knowledge of the main linguistic, metric and rhetorical structures characterizing the literary text. Ability to read and interpret a literary text.

Aims: 

1. Educational objectives:

Knowledge of the principles and fundamental issues of Dante’s philology. Ability to use critical editions, commentaries, dictionaries and other linguistic and lexical tools related to Dante’s Commedia. Ability to recognize and discuss philological and interpretative problems of Dante’s Inferno.

2. Expected results:

In line with the training objectives specified above and with the more general objectives of the Degree Program, the training activity of this module aims to provide the student with knowledge and skills (Knowledge and understanding skills; Applying knowledge and understanding; Making judgment; Communication skills; Learning) stated in the SUA-CdS (A.4.b.2, A.4.c).

Programme: 

Dante’s Inferno

The course aims to introduce students to Dante’s philology and to the study of the Commedia. We will examine the manuscript tradition and the main critical editions of the Commedia. Then we will read and analyze Dante’s Inferno from an philological and interpretative point of view.

Texts adopted: 

 

  • Dante Alighieri, La Commedia secondo l’antica vulgata, a c. di G. Petrocchi, Milano, Mondadori, 1966-1967 (canti scelti in fotocopia).

  • Dante Alighieri, Inferno, a c. di G. Inglese, Roma, Carocci, 2016.

  • G. Inglese, Dante. Guida alla Divina Commedia, Roma, Carocci, 2017.

  • S. Bellomo, Filologia e critica dantesca, Brescia, La Scuola, 2012 (pp. 213-315).

  • R. Rea, La paura della lupa e le forme dell'ira (lettura di Inferno VII), in «Linguistica e Letteratura» XLI, 1-2 (2016), pp. 79-110.

  • R. Viel, Sulla tradizione manoscritta della Commedia: metodi e prassi in centocinquant'anni di ricerca, in Dante, oggi «Critica del testo» 14, 1 (2011), pp. 459-518 (pdf fornito dal docente).

Modalità di erogazione: 
Tradizionale
Frequenza: 
Consigliata
Valutazione: 
Prova orale
Altre informazioni

Metodi didattici: lezioni frontali; lezioni interattive; lettura, analisi, commento dei testi; discussione ed elaborazione di ipotesi interpretative.

Metodi e criteri di verifica dei risultati di apprendimento: si prevede un esame orale consistente in colloquio della durata di circa 20 minuti. La valutazione finale terrà conto del grado di conoscenza dei contenuti previsti dal programma (con particolare attenzione, per i frequentanti, agli argomenti esposti a lezione); della capacità di analisi e sintesi critica; della qualità dell’espressione orale.

Anno Accademico: 
2018-2019
Docente: 
Ore: 
30
CFU: 
6
Semestre: 
Secondo semestre