Filologia della letteratura italiana - 2018-2019 - Modulo A - Laurea magistrale

Tu sei qui

Italiano
Prerequisiti: 

Capacità di leggere e analizzare un testo letterario sul piano formale e sostanziale. Capacità di collocare un testo letterario nel relativo contesto storico-culturale. Conoscenza generale della storia e dei testi della letteratura italiana, con particolare riferimento all’opera di Giacomo Leopardi. Conoscenza dei principi e delle questioni fondamentali della critica del testo.

Obiettivi: 

1. Obiettivi formativi: Conoscenza dei metodi e delle questioni della filologia d’autore. Conoscenza della genesi del libro dei Canti di Leopardi. Capacità di leggere e utilizzare le edizioni critiche dei Canti a fini ecdotici e interpretativi. Conoscenza approfondita della poesia leopardiana.  2. Risultati di apprendimento attesi: Coerentemente con gli obiettivi formativi sopra specificati e con quelli più generali propri del Corso di Studio, l’attività formativa di questo modulo si propone di fornire allo studente le conoscenze e abilità (Conoscenza e capacità di comprensione; Capacità di applicare conoscenza e comprensione; Autonomia di giudizio; Abilità comunicative; Capacità di apprendere) previste dalla scheda SUA-CdS (quadri A.4.b.2, A.4.c).

Programma: 

I Canti di Giacomo Leopardi Il corso si propone di introdurre gli studenti alla filologia d’autore attraverso lo studio della genesi dei Canti di Giacomo Leopardi. In primo luogo verrà ricostruita la storia della variantistica leopardiana, prendendo in esame i differenti approcci critici e soluzioni editoriali. Quindi si leggerano ed esamineranno alcune delle poesie leopardiane più rappresentative, analizzandone, in prospettiva sincronica e diacronica, i processi correttori e variantistici attestati nelle redazioni autografe e nelle edizioni a stampa.  Metodi didattici: Lezioni frontali; lezioni interattive; lettura, analisi, commento dei testi; discussione ed elaborazione di ipotesi interpretative. Metodi e criteri di verifica dei risultati di apprendimento: Si prevede un esame orale consistente in colloquio della durata di circa 20 minuti. La valutazione finale terrà conto del grado di conoscenza dei contenuti previsti dal programma (con particolare attenzione, per i frequentanti, agli argomenti esposti a lezione); della capacità di analisi e sintesi critica; della qualità dell’espressione orale.

Testi adottati: 
  • Giacomo Leopardi, Canti, a cura di Emilio Peruzzi, Milano, Rizzoli, BUR, 1998 (canti scelti; PDF resi disponibile dal docente).
  • Giacomo Leopardi, Canti, a cura di F. Gavazzeni, Milano, BUR, 2009.
  • P. Italia, G. Raboni, Che cos’è la filologia d’autore, Roma, Carocci, 2016.
  • R. Rea, Il sogno, in Giacomo Leopardi. Il libro dei Versi del 1826: «poesie originali», «L’Ellisse» 9/2 (2014), a c. di P. Italia, pp. 81-96 (PDF reso disponibile dal docente)
  • R. Rea, Variantistica leopardiana. Origini, orientamenti, problemi, in «Filologia Antica e Moderna» X, 19 (2000), pp. 119-161 (PDF reso disponibile dal docente)
  • R. Rea, Bruto e la sovversione dell’ideologia dei «Sepolcri», in «Italianistica» XXVIII (1999), 3, pp. 427-439 (PDF reso disponibile dal docente)
  • Materiali distribuiti a lezione dal docente per i frequentanti.
Modalità di erogazione: 
Tradizionale
Frequenza: 
Facoltativa
Valutazione: 
Prova orale
Anno Accademico: 
2018-2019
Docente: 
Ore: 
30
CFU: 
6
Semestre: 
Secondo semestre