Laboratorio di Archeologia trattamento e procedure conservative dei materiali da scavo e in epoca romana - 2018-2019 - Laboratori

Tu sei qui

Italiano
Prerequisiti: 

Si raccomanda la frequenza del presente Laboratorio agli studenti di archeologia che hanno sostenuto l’esame di Archeologia e Storia dell’arte greca e romana.

Obiettivi: 

Obiettivi formativi: Gli studenti acquisiranno una conoscenza diretta dei materiali ceramici, dei principi e dei metodi corretti per il loro trattamento, dallo scavo al laboratorio (riferimento a US e contesto di provenienza,), conoscenze e strumenti per la loro classificazione preliminare e dettagliata (forme vascolari, parti costitutive, suddivisione per classi e tipi (ceramica acroma e a vernice nera, fine, da mensa, da dispensa e da fuoco), definizione di aspetti specifici), una conoscenza diretta degli standard utilizzati nelle attività di catalogazione del patrimonio culturale (utilizzo della scheda RA, per l’avvio allo studio e alla bibliografia di riferimento per classe, e per il corretto utilizzo di strumenti metodologici e di supporti per la classificazione ( munsell color chart, database, etc). Gli studenti riceveranno altresì nozioni elementari di documentazione grafica (nozioni di disegno della ceramica e delle norme grafiche utilizzate), e fotografica.

 

Risultati di apprendimento attesi

Coerentemente con gli obiettivi formativi del Corso di Studio erogante previsti dalla scheda SUA-CdS (quadri A.4.b.2, A.4.c), l'attività formativa di questo modulo, oltre a quanto specificato sopra, si propone di fornire allo studente le seguenti conoscenze e abilità:

Capacità di applicare conoscenza e comprensione: al termine del corso e dello studio, ci si aspetta che gli studenti siano capaci di orientarsi con sufficiente consapevolezza tra gli argomenti disciplinari, di distinguere qualità e caratteristiche dei vari materiali, di conoscere metodi e strumenti di classificazione, di disegnare e fotografare la ceramica e di procedere consapevolmente nel trattamento e nelle procedure conservative e di classificazione dei materiali trattati.

Autonomia di giudizio: Le competenze acquisite servono non solo ad affinare strumenti e metodologie d’indagine, ma anche a far raggiungere una autonoma capacità di orientamento nella ricerca.

Abilità comunicative: Un ruolo di particolare rilievo è svolto dagli strumenti terminologici. Tali strumenti, infatti, costituiscono, nella delicata fase della registrazione delle conoscenze, supporti necessari sia per impostare correttamente l’acquisizione dei dati, sia per creare quel ‘linguaggio comune e condiviso’ indispensabile per un adeguata fruizione e per l’interscambio di informazioni fra quanti operano nel settore dei beni culturali. Per quanto riguarda lo specifico settore dei beni archeologici mobili, verrà illustrata e utilizzata la Scheda RA (catalogazione ICCD) e la classificazione Morel per la ceramica campana.

Capacità di apprendimento: Capacità di affrontare con gli strumenti appropriati lo studio dei manufatti ceramici. 

Programma: 

Prendendo in esame i manufatti rinvenuti nel corso delle campagne di scavo 2014-2017 del complesso monumentale di età romana, “Villa delle terme degli stucchi dipinti”  il Laboratorio si propone di illustrare il primo trattamento di pulitura, catalogazione e documentazione, grafica (disegno e caratterizzazione) e fotografica, delle varie classi di manufatti ceramici rinvenuti.

 

Metodi didattici

Le lezioni saranno svolte con l’ausilio di tutors (F. Fasoli, P. Masci, S. Nunzi, C. Tozzi, M. Vitaliti, R. Zimmardi) e comprenderanno lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche. Il laboratorio, della durata di 15-20 ore, si svolgerà nel secondo semestre. Le sedi saranno: Laboratorio di Archeologia, Edificio B, piano -1, Macroarea di Lettere e Filosofia, via Columbia 1, 00133 Roma, e Laboratorio di Archeologia, Centro Prevenzione e Protezione dell’Università degli studi di Roma “Tor Vergata”, Viale Cambridge, snc, 00133 - Roma.

 

Numero massimo partecipanti ammesso: 12

Per iscriversi contattare il docente inviando un breve curriculum delle materie sostenute e specificando corso di laurea, percorso prescelto, anno di corso, matricola, recapito e.mail e telefonico: Marcella Pisani (marcella.pisani@uniroma2.it)

Testi adottati: 

Dispense e materiali di approfondimento bibliografico e catalografico saranno fornite nel corso del Laboratorio.

Metodi e criteri di verifica dei risultati di apprendimento

Esame orale che consiste in un colloquio della durata di circa 10 minuti  sulla verifica delle voci di compilazione di una scheda precedentemente assegnata al candidato. Criteri di valutazione: verranno valutate: la conoscenza dei contenuti previsti dal programma, la qualità dell'espressione orale e la capacità di analisi critica e di applicazione degli strumenti di catalogazione e classificazione acquisiti.

Inglese
Prerequisites: 

The frequency of this Laboratory is recommended after having attended the Archeology and History of Greek and Roman Art exam.

Aims: 

Educational objectives: Students will acquire a direct knowledge of the ceramic materials, principles and correct methods for their treatment, from excavation to the laboratory (reference to US and context of provenance), knowledge and tools for their preliminary and detailed classification (pottery shape, constituent parts, subdivision by classes and types, definition of specific aspects), direct knowledge of the standards used in cataloging cultural heritage ( use of the RA card), to start the study and to be accustomed with the use of basic bibliographic reference, and the correct use of methodological tools and support for classification (munsell color chart, database, etc.) Students will also receive elementary notions of photographic and graphic documentation (notions of pottery drawing and graphic rules used).

 

Expected learning outcomes

Consistent with the training objectives of the granting study program provided by the SUA-CdS (sections A.4.b.2, A.4.c), the training activity of this module, in addition to what is specified above, proposes to provide the student with the following knowledge and skills:

Ability to apply knowledge and understanding: at the end of the course and the study, students are expected to be able to orient themselves with sufficient awareness between the disciplinary topics, to distinguish the qualities and characteristics of the various materials, to know methods and tools of classification, to draw and photograph pottery’s fragments  and to consciously proceed with the treatment and conservative and classification procedures of the treated materials.

Autonomy of judgment: The skills acquired not only serve to refine the tools and methods of investigation, but also to achieve an autonomous capacity for orientation in research.

Communication skills: A particularly important role is played by the terminological tools. Such tools, in fact, constitute, in the delicate phase of knowledge recording, necessary supports both to correctly set the data acquisition, and to create that common and shared language that is indispensable for an adequate use and for the exchange of information between those who work in the cultural heritage world. As far as the specific sector of mobile archaeological heritage is concerned, the RA (catalog ICCD) and the Morel classification for “Campana pottery” will be illustrated and used.

Learning skills: Ability to deal with the study of ceramic artefacts with the appropriate tools.

Programme: 

Taking into consideration the artifacts found during the 2014-2017 excavation campaigns of the monumental complex of the Roman age, "Villa delle terme degli stucchi dipinti", the Laboratory proposes to illustrate the first cleaning treatment, cataloging and documentation, graphics (drawing and characterization) and photographic, of the various classes of ceramic artefacts found.

Teaching methods

The lessons will be held with the help of tutors (F. Fasoli, P. Masci, S. Nunzi, C. Tozzi, M. Vitaliti, R. Zimmardi) and will include theoretical lessons and practical exercises. The laboratory, which lasts 15-20 hours, will take place in the second semester. The venues will be: Archeology Laboratory, Building B, Floor -1, Macroarea of Letters and Philosophy, via Columbia 1, 00133 Rome, and Laboratory of Archeology, Prevention and Protection Center of the University of Rome "Tor Vergata", Viale Cambridge, snc, 00133 - Rome.

Maximum number of participants allowed: 12

To register, contact the teacher by sending a brief curriculum studiorum, and specifying the degree course, chosen course, year of course, matriculation number, e-mail and telephone number: Marcella Pisani (marcella.pisani@uniroma2.it)

Texts adopted: 

Handouts and bibliographical and cataloging material will be provided during the course of the Laboratory.

Methods and criteria for verification of learning outcomes

Oral exam consisting of an interview lasting about 10 minutes on the verification of the entries to fill out a form previously assigned to the candidate. Evaluation criteria: evaluation of the contents of the program, the quality of oral expression and the ability to critically analyze and apply the acquired cataloging and classification tools will be evaluated.

Modalità di erogazione: 
Tradizionale
Frequenza: 
Obbligatoria
Valutazione: 
Prova orale
Valutazione in itinere
Anno Accademico: 
2018-2019
Carico didattico a: 
Ore: 
15
CFU: 
3
Semestre: 
Secondo semestre