Letteratura russa 3 - 2018-2019 - Modulo B - Laurea triennale

Tu sei qui

Italiano
Prerequisiti: 

Conoscenza del russo di livello minimo A2 e della storia letteraria russa dell’Ottocento.

Obiettivi: 

Costituzione di un coerente quadro storico letterario del periodo sovietico, con particolare attenzione per il mondo underground e le sue dinamiche.

Coerentemente con gli obiettivi formativi del Corso di Studio previsti dalla scheda SUA-CdS (quadri A.4.b.2, A.4.c), l'attività formativa di questo modulo si propone di fornire allo studente le conoscenze e abilità grazie alle quali, al termine del corso, dovrà essere in grado di comprendere e tradurre brevi testi letterari in russo, applicando le metodologie apprese durante le lezioni ed ampliando conseguentemente il proprio bagaglio lessicale. Sarà inoltre in grado di collocare correttamente i testi all’interno del panorama letterario e culturale che li ha prodotti, evidenziando in autonomia i nessi e le correlazioni tra il fatto letterario e gli eventi storici e culturali.

Programma: 

Il corso punterà ad analizzare il canone estetico-culturale del periodo sovietico, a partire dal suo rapporto con l’eredità modernista di inizio secolo, passando poi per il realismo socialista e ponendo infine specifica attenzione alle dinamiche e alle poetiche degli ambienti underground, anche in relazione alla polarizzazione tra Mosca e Leningrado. Passi scelti in russo saranno oggetto delle lezioni e d’esame.

Metodi didattici: lezioni frontali, video, dispense.

Metodi e criteri di verifica dei risultati di apprendimento: L’apprendimento sarà verificato tramite colloquio orale, nel corso del quale lo studente dovrà dimostrare padronanza storico-critica del periodo e dei testi analizzati, capacità di creare collegamenti in maniera autonoma e consapevole.

Testi adottati: 

C.G. De Michelis, Realismo socialista, veridicità e letteratura russa antica, in “Europa Orientalis” 7 (1988), pp. 185-197

G.P. Piretto, Il radioso avvenire. Mitologie culturali sovietiche, Einaudi 2001

M. Sabbatini, “Quel che si metteva in rima”: Cultura e poesia underground a Leningrado, Europa Orientalis, Salerno 2008, pp. 11-109, 195-234, 279-301

M. Caramitti, V poiskach utračennoj prozy, Zabytye pisateli vremen samizdata, in AA.VV., Sentieri interrotti/Holzwege, Universitalia, Roma 2012, pp. 233-244

Inglese
Prerequisites: 

Russian Language minimum A2, knowledge of the XIX century Russian Literature.

Aims: 

Students must acquire a deep knowledge of the Russian Literature during the Soviet era, with particular attention to the underground movement.

Programme: 

The course will focus on the cultural and aesthetic canon of the Soviet Era, starting from the modernism of the beginning of the XX century, through the soc-realism, to the underground movements, especially in Moscow and Leningrad. Some selected texts in Russian will be discussed during the course and during the oral exam.

Teaching methods: Lectures, additional materials, videos.

Methods and criteria for verification of learning outcomes: Oral exam (approx. 30 minutes). Students will be required to discuss their readings, to possess an organic knowledge and a critical understanding of the topics discussed during the lessons.

Texts adopted: 

C.G. De Michelis, Realismo socialista, veridicità e letteratura russa antica, in “Europa Orientalis” 7 (1988), pp. 185-197

G.P. Piretto, Il radioso avvenire. Mitologie culturali sovietiche, Einaudi 2001

M. Sabbatini, “Quel che si metteva in rima”: Cultura e poesia underground a Leningrado, Europa Orientalis, Salerno 2008, pp. 11-109, 195-234, 279-301

M. Caramitti, V poiskach utračennoj prozy, Zabytye pisateli vremen samizdata, in AA.VV., Sentieri interrotti/Holzwege, Universitalia, Roma 2012, pp. 233-244

Modalità di erogazione: 
Tradizionale
Frequenza: 
Consigliata
Valutazione: 
Prova orale
Anno Accademico: 
2018-2019
Docente: 
Carico didattico a: 
Ore: 
30
CFU: 
6
Semestre: 
Secondo semestre