Storia del'arte contemporanea - 2018-2019 - Modulo A - Laurea magistrale

Tu sei qui

Italiano
Prerequisiti: 

Aver sostenuto l’esame di Storia dell’Arte Contemporanea del corso di laurea triennale.


Gli studenti della laurea magistrale in Progettazione e gestione dei sistemi turistici che non avessero sostenuto l'esame di storia dell'arte contemporanea nel loro precedente corso di laurea triennale porteranno come programma d'esame il programma di Storia dell'arte contemporanea del triennio, del prof. Gallo, che è suddiviso in due moduli, per complessivi 12 cfu.

 

 

Obiettivi: 

Il modulo  si propone di sviluppare approfondimenti su tre ambiti:

1) personalità e momenti della storia dell'arte europea tra la fine Ottocento e gli inizi del Novecento
 
2) aspetti particolarmente importanti della riflessione critica e teorica sull'arte tra la fine dell'Ottocento e gli inizi del Novecento

3) personalità e momenti della storia delle arti applicate e dell'industrial design degli inizi del Novecento

Programma: 

Il corso porrà al centro dell'attenzione la formazione del linguaggio della pittura metafisica di Giorgio de Chirico agli inizi degli anni dieci del Novecento. A lato di questo tema, ma ad esso intrecciato, vi sarà un approfondimento delle idee sull'arte che sviluppa alla fine dell'Ottocento in  Germania lo studioso d'arte Konrad Fiedler, in particolare nel saggio Sulla valutazione delle opere d'arte figurativa, pubblicato nel 1876.

Una importante premessa sia delle idee di de Chirico che di Fiedler sull'arte è costituita dalla filosofia di A. Schopenhauer (Il Mondo come Volontà e Rappresentazione (1819); Parerga e Paralipomena (1851).

Il corso, dopo aver esaminato le opere di de Chirico realizzate tra il 1909 e il 1911 e le idee formulate nei suoi manoscritti parigini, indagherà le relazioni possibili tra le idee sull'arte di de Chirico che dipendono dai riferimenti al pensiero di Schopenhauer (e di  F. Nietzsche) e quelle di Fiedler, prendendo in considerazione anche l'attività del pittore Hans von Marées, molto vicino a Fiedler, e dello scultore Adolf von Hildebrand, anch'egli vicino a Fiedler e autore di un libro, Il problema della forma nell'arte figurativa, pubblicato nel 1893, interessante dal punto di vista dei potenziali spunti per la formazione della pittura metafisica dechirichiana.

Testi adottati: 

1) S. Gallo, M. Mirolla, G. Zucconi, Arte del Novecento, ed.  Mondadori Università, Milano 2002: solo  il primo volume e interamente, cioè includendo le parti dedicate sia alle arti applicate e all'industrial design sia all'architettura.

 2) I testi commentati a lezione, che saranno forniti in dispensa.

Di questi sono di primaria importanza i seguenti. 

G de Chirico: Manoscritti Eluard; Manoscritti Paulhan.

K. Fiedler, Sulla valutazione delle opere d'arte figurativa, in Id., Scritti sull'arte figurativa, Aestetica, Palermo 2006

3) Ciascuno studente deve preparare una tesina su un artista o architetto o designer, il cui lavoro ricada nel periodo tra la fine dell'Ottocento e i giorni nostri. La scelta deve essere approvata dal professore.

Modalità di erogazione: 
Tradizionale
Frequenza: 
Consigliata
Valutazione: 
Prova scritta
Prova orale
Altre informazioni

I testi letti e commentati a lezione su e di de Chirico, Schopenhauer, Nietzsche, Fiedler, Hildebrand (più quelli relativi al tema delle arti applicate) sono disponibili in un fascicolo cartaceo acquistabile presso Universitalia. La complessità e lunghezza dei testi ha reso impossibile caricarne su questa pagina dei pdf.

Ecco l'indice del fascicolo:

A) Scritti parigini di G. de Chirico - Lettera di de Chirico a F. Gartz - F. Nietzsche, La visione e l'enigma (da Così parlò Zarathustra)

B) A. Schopenhauer, selezione pagine da Il mondo come volontà e rappresentazione - Pensieri riguardanti l'intelletto (da Parerga e Paralipomena) - Metafisica del bello e estetica (da Parerga e Paralipomena

C) K. Fiedler, Sulla valutazione delle opere d'arte figurativa - A. Schopenhauer, pagine da La vista e i colori.

D) A. von Hildebrand, pagine da Il problema della forma nell'arte figurativa - S. Gallo, pagine su Il problema della forma nell'arte figurativa di Hildebrand.

E) Il programma della Wiener Werkstaette - Scritti di Adolf Loos.

Appendice 

Si aggiunge un lungo testo di S. Gallo, La pittura metafisica di de Chirico e il corpo malato, che non occorre studiare, ma che a chi interessa può servire da guida per muoversi attraverso il territorio complesso dei prelievi di de Chirico da Schopenhauer e da Nietzsche.

 

 

Anno Accademico: 
2018-2019
Docente: 
Carico didattico a: 
Ore: 
30
CFU: 
6
Semestre: 
Secondo semestre