Teoria e analisi della musica - 2018-2019 - Modulo A - Laurea magistrale

Tu sei qui

Italiano
Prerequisiti: 

Conoscenza della teoria musicale di base, lettura nelle due chiavi di violino e basso, desiderata (ma non indispensabile) la pratica di uno strumento. 

Obiettivi: 

Il corso, articolato in un semestre (6CFU), offre un’introduzione all’arte del partimento, una metodologia di insegnamento della composizione e allo stesso tempo una prassi esecutiva basata sull’improvvisazione guidata, utilizzata nel Settecento nei quattro conservatori di Napoli e poi esportata in tutta Europa. Dopo secoli di oblio, la prassi del partimento è stata recentemente riscoperta e ha cambiato radicalmente il nostro modo di pensare la musica tonale. Gli studenti, in base alle loro competenze, saranno indirizzati verso un’approfondimento storico-culturale oppure musicale-compositivo.

Programma: 

Storia, teoria e prassi del partimento nell’Europa musicale del Settecento. Partendo da nozioni di base di basso continuo, lo studente sarà indirizzato verso la realizzazione, scritta o improvvisata, di semplici partimenti del repertorio settecentesco, e alla ricerca dei modelli di partimento in un ampio spettro di composizioni tonali. 

 

Metodi didattici:

lezioni frontali, discussioni collettive, ricerca di materiali in biblioteca e on-line, relazioni e esercitazioni individuali, lavori di gruppo con momenti di tutorato tra pari.

 

Metodi e criteri di verifica dei risultati di apprendimento:

Per conseguire i CFU lo studente dovrà realizzare gli esercizi che verranno assegnati ogni settimana, e realizzare un progetto che sarà discusso in sede di esame. La valutazione finale sarà basata per il 60% sugli esercizi settimanali e per il 40% sul progetto finale personalizzato, che sarà adeguato al livello di competenza pregressa di ogni studente.

Testi adottati: 

Giorgio Sanguinetti, The Art of Partimento: History, Theory and Practice. New York: Oxford University Press, 2012.

 

Bibliografia aggiuntiva per l’approfondimento di particolari aspetti, o per studenti non frequentanti (rivolgersi al docente in caso di difficoltà di reperimento): 

Giorgio Sanguinetti, The Realization of Partimenti: An Introduction, «Journal of Music Theory» 51/1, Spring 2007, pp. 51-83

Rivista di Teoria e Analisi Musicale 1/2009. Numero speciale Composizione e improvvisazione nella scuola napoletana del Settecento, a cura di Gaetano Stella. In particolare i seguenti saggi: Rosa Cafiero, La formazione del musicista nel XVIII Secolo: il "modello" dei Conservatori napoletani; Robert O. Gjerdingen, The perfection of craft training in the Neapolitan Conservatoires; Nicoleta Paraschivescu, Una chiave per comprendere la prassi del partimento: la sonata "Perfidia" di Francesco Durante

Thomas Christensen, Robert Gjerdingen, Giorgio Sanguinetti, Rudolf Lutz: Partimento in Theory and Practice. Leuven University Press,2010 (Collected writings of the Orpheus Institute). 

Inglese
Prerequisites: 

Basic music theory, reading music in treble and bass clefs: some performance skills on the keyboard is highly desirable. 

Aims: 

The one-semester course aims to introduce to the art of partimento, a teaching technique and a performing practice used in Naples in the eighteenth and nineteenth centuries, and based on guided improvisation on a figured or unfigured bass. Students who can play an instrument will be encouraged to realize extempore partimenti. Non-instrumentalist will realize partimenti in written form. We shall also discuss historical and theoretical aspect of this practice. 

Programme: 

History, theory and practice of partimento in the eighteenth century Europe, with special emphasis on Italian partimento school. 

 

Teaching:

Lectures, seminars, performances, individual lesson if needed. 

 

Exam:

Students will be asked to realize weekly assignments, and a final project that will be discussed during the final exam. The evaluation will be based on weekly assignments (60%) and on the final discussion (40%). 

Texts adopted: 

Giorgio Sanguinetti, The Art of Partimento: History, Theory and Practice. New York: Oxford University Press, 2012.

 

Further readings (recommended):

Giorgio Sanguinetti, The Realization of Partimenti: An Introduction, «Journal of Music Theory» 51/1, Spring 2007, pp. 51-83

Rivista di Teoria e Analisi Musicale 1/2009. Numero speciale Composizione e improvvisazione nella scuola napoletana del Settecento, a cura di Gaetano Stella. In particolare i seguenti saggi: Rosa Cafiero, La formazione del musicista nel XVIII Secolo: il "modello" dei Conservatori napoletani; Robert O. Gjerdingen, The perfection of craft training in the Neapolitan Conservatoires; Nicoleta Paraschivescu, Una chiave per comprendere la prassi del partimento: la sonata "Perfidia" di Francesco Durante

Thomas Christensen, Robert Gjerdingen, Giorgio Sanguinetti, Rudolf Lutz: Partimento in Theory and Practice. Leuven University Press,2010 (Collected writings of the Orpheus Institute). 

A selection of materials will be given during the semester. 

 

Modalità di erogazione: 
Tradizionale
Frequenza: 
Obbligatoria
Valutazione: 
Prova orale
Valutazione in itinere
Altre informazioni

Frequenza. La frequenza è obbligatoria. E’però possibile, per studenti lavoratori, concordare modalità di frequenza parzialmente alternativa alle ore di lezione, quali ricevimenti e laboratori condotti da cultori della materia. GLI STUDENTI CHE NON POSSANO FREQUENTARE REGOLARMENTE DOVRANNO COMUNICARE  LA LORO SITUAZIONE AL DOCENTE ALL’INIZIO DEL CORSO, E COMUNQUE NON OLTRE IL 30 OTTOBRE. Il docente concorderà con loro un calendario di incontri (ricevimenti e laboratori ) per la correzione degli esercizi. Eventuali studenti interamente non frequentanti che non rispettassero la modalità sopra indicata non saranno ammessi all’esame. 

 

Anno Accademico: 
2018-2019
Insegnato a: 
Carico didattico a: 
Ore: 
30
CFU: 
6
Semestre: 
Primo semestre